Ci lascia, all’età di 75 anni, Chris Darrow.

(Maurizio Galli – 16 gennaio 2020)

Da oggi il palcoscenico è ancora più vuoto. Ci lascia infatti Chris Darrow (Christopher Lloyd Darrow), polistrumentista e cantautore statunitense, a causa di complicazioni a seguito di un ictus.

Nato a Sioux Falls, nel Dakota del Sud, ma cresciuto nel sobborgo di Claremont, Los Angeles ascoltando alla radio Ritchie Valens e gli Everly Brothers. All’età di 13 anni si appassiona alla chitarra e frequentando il Pitzer College trascorre due anni assistendo Guy Carawan (American Folk Life Studies). L’interesse di Darrow per la musica folk e bluegrass lo porta a formare, nel 1963, la sua prima band, i Reorganized Dry City Players, seguita dai Mad Mountain Ramblers.
Nel 1964 è la volta dei The Dry City Scat Band con David Lindley, Richard Greene, Steve Cahill e Pete Madlem.
Durante la frequentazione scolastica a Claremont incontra Chris Hillman. L’incontro e la transizione dello stesso Hillman alla musica rock con i Byrds ebbero un profondo effetto su Darrow.
Il primo gruppo rock di Darrow furono i Floggs, che comprendevano Roger Palos (basso), Bill Stamps (chitarra solista), Tommy Salisbury (batteria) e Hugh Kohler (tastiere).
Con Lindley entra invece nella band psichedelica Kaleidoscope, che comprendeva anche Solomon Feldthouse e Max Buda. La band mescolava influenze orientali con il country, il folk, il blues e psichedelia tanto cara in quel periodo. Poco dopo il completamento di Beacon From Mars (Epic, BN 26333, LP, 1968) decide però di lasciare la band. Vi farà ritorno nel 1976 per registrare l’album When Scopes Collide (Pacific Arts, PAC7-102A, LP) e poi, nel 1991 per Greetings From Kartoonistan … We Ain’t Dead Yet (Gifthorse Records, D2-77406, CD).
Nel 1967, Darrow si unì alla Nitty Gritty Dirt Band, in sostituzione di Bruce Kunkel, e registrò due album con la band: Rare Junk (Liberty, LST-7540, LP, 1968) e Uncle Charlie & His Dog Teddy (Liberty, LST-7642, LP, 1970). Come membro della band, è apparso anche in Paint Your Wagon di Clint Eastwood.
Nel 1969, insieme a Jeff Hanna, forma The Corvettes e pubblica due singoli, prodotti da Mike Nesmith per la Dot Records, e accompagnerà Linda Ronstadt nel suo tour. Lascerà in seguito la band, sostituito da Bernie Leadon, per tornare alla Nitty Gritty Dirt Band.

Come solista nel 1972 pubblicò il suo primo album Artist Proof (Fantasy, 9403, LP) seguito da Chris Darrow (United Artists Records, UA-LA048, LP, 1973), Under My Own Disguise (United Artists Records, UAS 29634, LP, 1974) e Fretless (Pacific Arts, PAC7-132, LP, 1979). A Southern California Drive (Wild Bunch Records, W.B.5002, LP, 1980) pubblicato in Italia con copertina di Valerio Marini. Eye Of The Storm (Takoma, TAK 7092, LP, 1981) con copertina disegnata da Rick Griffin, Surf Dogs On The Range (Gee-Dee Music, GEE DEE 270125-2, CD, 1996).
A fine anni ’90 inizia la collaborazione con la Taxim Records e pubblica Coyote. Straight From The Heart (Taxim Records, TX 2028-2 TC, CD, 1997), Harem Girl (Taxim Records, TX 2039-2 TA, CD, 1998), Slide On In (Taxim Records, TX 2058-2 TA, CD, 2002) e l’ultimo album Wages Of Sin (Taxim Records, TX 2074, CD, 2006)

Tra le collaborazioni in studio di registrazione lo possiamo trovare ad esempio al fianco di Fairport Convention, Jeff Beck Group e della band di Elton John.

MILAN, ITALY – Settembre 1981 – from left to right: CHRIS DARROW & ALDO PEDRON
VERGHERA DI SAMARATE (VA) ITALY – SEPTEMBER 1981 – from left to right: CHRIS DARROW, ALDO PEDRON and SKIP BATTIN (of The Byrds)
Verghera di Samarate (Va) Italy – October 1981 – from left to right : Aldo Pedron & Chris Darrow
with the cover of the album by the Packards
” Pray for surf ”
Precedente Partita la campagna crowdfunding per il nuovo disco di Luca Rovini & Compañeros. Successivo Mangala Vallis – Voices