Tommy Hancock, il padrino della musica del West Texas.

(4 gennaio 2020)

Tommy Hancock, famoso violinista, cantautore e fonte d’ispirazione per svariati artisti del Texas occidentale, è morto mercoledì 1° gennaio all’età di 90 anni.

Hancock è nato e cresciuto a Lubbock, nel 1929 dove ha appreso i primi rudimenti di violino classico dalla nonna. Di ritorno dalla seconda guerra mondiale, vi aveva preso parte come paracadutista, guidò una band swing conosciuta come Roadside Playboys, che includeva Sonny Curtis – futuro chitarrista della band dei Buddy Holly, The Crickets.
Nel 1956, Hancock sposò la cantante del gruppo, Charlene Condray (all’epoca era una star regionale). A quel tempo, la band era solita suonare al The Cotton Club, che era un grande locale in grado di ospitare 1.400 persone.

La location era un punto d’arrivo importante per i talenti musicali negli anni ’50. Bob Wills e i suoi Playboys in Texas furono clienti abituali del venerdì sera al club dal 1953 al 1955. Elvis Presley suonò al Cotton Club più volte nel 1955, con il suo primo musicista locale in ascesa, Buddy Holly. Little Richard, Fats Domino e Roy Orbison fecero tutte le apparizioni nel decennio, fino a quando nel 1962 il club non bruciò.
Nel 1967, la famiglia Hancock riaprì la famosa sala sulla Slaton Highway. Quello era il periodo in cui una nuova generazione, gli hippie, stava prendendo piede e Tommy Hancock era riuscito a creare un’intesa tra i “vecchi” cowboy e gli “alternativi” del Rock’n’Roll.
Negli anni ’70, gli Hancock vendettero il club alla leggenda locale Joe Ely e al barbecue master C.B. Stubblefield, che chiusero il club nel 1982.

A quel punto Hancock si trasferì con la sua famiglia nel New Mexico dove formarono la Supernatural Family Band, che includeva Jimmie Dale Gilmore, un altro musicista locale che rivendicava Hancock come mentore.

Successivamente Hancock e la sua famiglia si trasferirono in California, in Colorado, in Florida, e di nuovo in Texas ad Austin mentre suonavano il loro mix di swing classico e rock psichedelico in tutto il paese. Al ritorno in Texas negli anni ’80, Charlene, con le figlie Traci e Conni Hancock, formò una band Tex-Mex conosciuta come Texana Dames.

Nel 1997 Hancock venne descritto da un giornalista dell’American-Statesman come “una miscela improbabile di hipster degli anni ’50, nonno hippy degli anni ’60 e cowboy New Age degli anni ’90”.

Nel marzo del 2000 Tommy Hancock è stato inserito nella Hall of Fame degli Austin Chronicle Music Awards. Nel 2002, The Supernatural Family Band è stata inserita nella Country Music Association della Texas Hall of Fame.

Precedente Dave Grusin/Lee Ritenour – Harlequin Successivo Intervista a Genéa Gaudet: regista di video musicali e di documentari che esplora, attraverso i suoi lavori, la diversità di genere, la memoria e le relazioni umane.