“The Greatest Nots” di Maurizio Marsico e Stefano Di Trapani: gli anni ’80 con un finale alternativo

(19 febbraio 2020)

E’ disponibile su tutte le principali piattaforme, l’album The Greatest Nots, nato dalla collaborazione di Maurizio Marsico e Stefano Di Trapani.

Il titolo è emblematico ed è stato proprio Maurizio Marsico a spiegare le motivazioni della scelta nell’intervista rilasciata a Musicalmind il 23 gennaio scorso: “Perché in un’epoca come quella attuale, di pensiero unico, empatia coatta e che se non sei social non esisti, talvolta è meraviglioso saper dire/dare dei bei no. Dire no, ancora oggi, come al tempo dei grandi film di Francesco Rosi, può essere l’elemento differenziante tra comportarsi da sudditi o sentirsi fieramente cittadini del nostro paese, tra l’essere più o meno collusi con qualsiasi tipo di sistema, incluso il sistema dell’industria musicale, tra l’essere artisti che creano con la propria testa o cloni che invece rincorrono le classifiche e i mi piace, come giocare alla schedina. No, questo disco non è instagrammabile e nel caso lo diventi, lo sarà suo malgrado. The Greatest Nots è la collezione dei nostri più grandi Hits. Al contrario.”

Come ascoltare “The Greatest Nots”?

“Una delle tante chiavi d’ascolto di THE GREATEST NOTS, è che offre una visione (visiva e sonora) distopica degli anni ’80 ed in particolare di Frigidaire e della scena new & no wave italiana di quegli anni, ma non è un disco tributo, è un po’ come il film di Tarantino (ambientato invece nel 1969), dove alla fine quelli della Family di Manson fanno una brutta fine e invece Sharon Tate sopravvive. Ecco, sono gli anni ’80 con un finale alternativo, riscritti da un musicista informato (molto bene) sui fatti e da un musicista di una generazione e mezzo più giovane. Con lo stesso spirito abbiamo affrontato l’artwork della copertina rigorosamente gatefold, interpretata in maniera magistrale da Simone (Tso) ed Enrico (Infidel D’Elia) per quanto riguarda le illustrazioni e da Giandomenico (Carpentieri) per grafica e impaginazione. Dentro THE GREATEST NOTS ci sono mondi interi e c’è anche molto Tamburini, perché in questo nostro “film”, Stefano Tamburini è vivo. “

Di seguito i link:
Apple Music e iTunes: https://apple.co/38tgwR6
Spotify: https://spoti.fi/2SxD2mx
Amazon Music: https://amzn.to/2u4fex8
BandCamp: http://bit.ly/2vWaOJn
Plastica Marella: http://bit.ly/36GcWC8

Precedente Le bacchette e le parole del Neapolitan Power Successivo Ho visto il presente del rock. Il suo nome è Jono Manson!