Robert Randolph, un condensato di gospel, blues, soul e funk

(Maurizio Galli – 8 ottobre 2019)

Uscito lo scorso maggio su Provogue Records, il nuovo e ottavo disco di Robert Randolph & The Family Band, Brighter Days (prodotto da Dave Cobb) è una miscela esplosiva di gospel, blues, soul e funk il tutto innescato dal graffiante suono della pedal steel guitar – strumento definito in molte chiese pentecostali afroamericane come sacred steel.

L’irresistible rock ‘n’ roll swagger band capitanata da Robert Jermaine Randolph (nato l’8 agosto 1977 a Irvington, New Jersey) ha all’attivo sei album in studio e tre nomination ai Grammy – due volte nel 2003 come Best Rock Instrumental Performance e Best Rock Gospel Album e nel 2017 come Best Contemporary Blues Album.

Ad accompagnare il virtuoso della pedal steel nel personale ritorno alle radici della sua musica troviamo la Family Band, ovvero Danyel Morgan al basso, Marcus Randolph alla batteria e la sorella Lenesha alle armonizzazioni vocali nonchè cantante in alcuni brani dell’album.

Tra le fonti di ispirazione del nostro troviamo, come spesso accade nei suoi album, Staple Singers – l’unica cover, la blues ballad Simple Man, è proprio un brano di Roebuck “Pops” Staples – e Sly & Family Stone come nel caso del grintoso rock I’m Living Off The Love You Give (sentite che meraviglia le armonie vocali e la chitarra di Randoplh).
Tra le tracce da segnalare c’è anche posto per l’intensa ballad Cry Over Me cantata da Lenesha Randolph, qui l’organo e il piano sono perfettamente al servizio di un sound sudista, senza dimenticare ovviamente le sonorità e gli incredibili assoli. Da brividi! o la riflessiva ballad Have Mercy con gli intensi duetti dei fratelli Randolph.

In estrema sintesi l’album, anticipato dal singolo funk Second Hand Man, è un lavoro “caldo” e avvolgente in cui la pedal steel di Robert Randolph, in grande evidenza nel suo ruolo primario, riesce alla perfezione nel definire sfumature e nel colorare uno dei migliori gospel e soul, fusi con il rock, al momento in circolazione.

Tracklist:
1. Baptise Me
2. Don’t Fight It
3. Simple Man
4. Have Mercy
5. Cut Em Loose
6. Second Hand Man
7. Cry Over Me
8. I Need You
9. I’m Living Off the Love You Give
10. Strange Train

Precedente The Backdoor Society intervista a Giovanni Orlandi , la genesi del 45 giri Successivo Doobie Brothers - Long Train Runnin' (vs. Lovercraft - We Can All Have It Together)