Crea sito

Quella volta al Barry’s Bar di Negril…

(Maurizio Calcante)

Sono tante le storie che potete ascoltare al Barry’s Bar di Negril: storie d’amore, storie di droga, storie di musica…

Potreste ad esempio sentirvi raccontare dell’amore di Bob Dylan per la Jamaica, delle sue vacanze a Savanna La Mar, che avrebbe poi trasferito nel suo lamento d’amore per la moglie Sara: “Them playing leapfrog and hearing about Snow White / You in the marketplace in Savanna-la-Mar”

Magari qualcuno vi potrebbe invece raccontare di quella volta che nel gennaio del 1996 Jimmy Buffett, per festeggiare i suoi 50 anni, caricò famiglia ed amici, tra cui Bono e il boss della Island Records Chris Blackwell, sul suo Grumman HU-16 Albatross flying boat Hemisphere Dancer e partì per un viaggio nei Caraibi. Solo che, una volta atterrati a Montego bay, un funzionario troppo zelante scambiò l’aereo per quello di un trafficante di droga e l’allegra compagnia fu costretta a riparare a Negril con l’aereo trivellato di proiettili ma per fortuna senza guai per le persone (cosa poi l’aereo contenesse realmente nessuno lo sa, ma visti i passeggeri qualche dubbio è lecito averlo).

Se qualcuno fosse interessato a visitare l’Hemisphere adesso è parcheggiato in esposizione (compresi i fori dei proiettili) al Margaritaville Resort di Orlando, Florida.

Buffett scrisse una canzone a proposito di quell’incidente, Jamaica Mistaica, pubblicata nell’album Banana Wind del 1996.

Come back / Come back / Back to Jamaica / Don’t you know we made a big mistaica / We’d be so sad if you told us goodbye / And we promise not to shoot you out of the sky

Ai piu fortunati di voi però potrebbe essere mostrata la casa che Johnny Cash   acquistò a Cinnamon Hill nei primi anni ‘70. La Rose Hall Great House è una famosa villa del 1734 che rimase di proprietà sua e degli eredi sino al 2012. 

Se siete da quelle parti è possibile fare un tour guidato della casa in cui si trovano ancora cimeli del cantante.

https://rosehall.com/cinnamon-hill/

La casa viene anche attualmente utilizzata per banchetti e matrimoni.

Una sera particolarmente calda della prima metà degli anni ‘80 Paul McCartney – che andava spesso in vacanza con la famiglia in Jamaica – insieme alla moglie Linda, Johnny e June Carter Cash si trovarono a cenare a Rose Hall.

Mentre le due mogli erano indaffarate con le pietanze, Cash e Macca, tra un piatto ed una boccata di ganja, iniziarono a parlare di musica e, dato che una cosa tira l’altra, alla fine si resero conto di aver scritto una canzone: “New Moon Over Jamaica”.

Per qualche anno Cash si dimenticò della canzone, ma nell’aprile del 1988 si recò presso gli studi di Paul in Ighilterra perché aveva deciso di includere il brano nell’album Water from the Wells of Home. McCartney si alternò alla voce e suonò il basso, mentre Linda si prestò per l’occasione a fare da corista

A sua volta Paul ne incise una versione reggae per il suo album Flowers in the Dirt del 1989 anche se poi non venne inserita nel disco.  

Bene, la luna è alta ed è arrivato il momento dei saluti, ma se in futuro vi capiterà di passare da queste parti venitemi a trovare al Barry’s Bar di Negril…parleremo di quella volta che…ma meglio non anticipare nulla per ora…

Vi aspetto