Quando la musica non passa di moda, Let Them Out – Betta Blues Society

(Maurizio Galli – 30 dicembre 2019)

Anno di grazia 2016. Tre ragazzotti e una gentil donzella danno alle stampe il loro terzo album. Elisabetta Maulo (voce, kazoo), Lorenzo Marianelli (dobro, ukulele, banjo, cori), Fabrizio Balest (contrabbasso, cori) e Pietro Borso (percussioni). Cambiando l’ordine degli addendi la somma non cambia, loro sono e restano i Betta Blues Society e quello di cui andiamo a parlare è il loro Let Them Out (etichetta: Il Popolo del Blues / Audioglobe).

Le undici tracce, di cui solo Down in Mississippi è presa in prestito dal repertorio di J. B. Lenoir, raccontano esperienze vissute e situazioni di vita personale, così come succedeva nel blues dei primi del ‘900.
Un CD che racchiude dentro di se, come un prezioso scrigno, tradizione (e amore per il blues acustico dei padri fondatori), folk, spunti jazz e country oltre alla consapevolezza e alla maturità sia strumentale (leggasi sperimentazione di nuove sonorità rispetto al passato) che compositiva – particolare attenzione è infatti riservata agli arrangiamenti vocali.

Speriamo arrivi presto un loro nuovo lavoro. Nel frattempo, un disco e una band italiana assolutamente da tener d’occhio. Alla via cosi.

Precedente Ci lascia all'età di 75 anni Neil Innes Successivo False Flag di Frank Get, un album che racchiude la memoria storica di un territorio cosmopolita