“L’ultimo viaggio di Billie” di Reno Brandoni

RENO BRANDONI – L' ULTIMO VIAGGIO DI BILLIE è il nuovo libro ...

(Maurizio Galli – 8 giugno 2020)

«Non ero brava a ballare, ma a cantare sì.
Ci misi cuore e anima, così come bisognerebbe fare quando si canta un blues.
Quando ebbi finito, tutti stavano piangendo nella loro birra».


Nuovo capitolo della serie libro-racconto per ragazzi, ma non solo, realizzato dallo scrittore e chitarrista Reno Brandoni questa volta in collaborazione con Debora Mancini (voce narrante) e Chiara Di Vivona (illustrazioni).

A Billie Holiday è dedicato L’ultimo viaggio di Billie. Vera e propria leggenda della musica nonchè paladina dei diritti civili che sulla propria pelle ha purtroppo vissuto il dramma della discriminazione razziale.

Il libro, che contiene le tracce audio online, è stato pubblicato per la collana Curci Young delle Edizioni Curci in collaborazione con Fingerpicking.net.

Per quanti ancora non lo conoscessero Reno Brandoni negli anni ’80 ha collaborato con i più importanti chitarristi dell’epoca come Stefan Grossman, John Renbourn, Duck Baker, Dave Van Ronk mentre nel 2000 ha fondato il sito web Fingerpicking.net. Diversi e tutti interessanti sono invece i suoi lavori discografici.

Chiara Di Vivona ha illustrato opere per diversi editori e insegnato Fumetto e Illustrazione in corsi e laboratori per bambini e ragazzi, si occupa anche di grafica pubblicitaria. Per le Edizioni Curci ha firmato le illustrazioni dei volumi: Django. La leggenda del plettro d’oro, Halloween Party, Il re del blues, La notte in cui inventarono il rock, Una classica serata jazz.

Debora Mancini è invece un’attrice comica e drammatica, diplomata in pianoforte e musicologia. Oltre ad essere direttrice artistica dell’Associazione RealtàDeboraMancini.

Se siete alla ricerca di un ritratto vivo, palpitante e diverso dal solito allora questo è proprio il libro che fa per voi!
Fate come me, fatelo leggere ai vostri figli… vi ringrazieranno.
Alla via così.

Precedente David Bromberg Band – Big Road Successivo Iron Maiden – Live After Death