LOS LOBOS NEWS

(Aldo Pedron, 13 agosto2019)

Di recente uscita nell’ambito e nell’orbita Los Lobos sono due lavori da solista di Louie Perez.

Good Morning, Aztlan: The Words, Pictures and Songs of Louie Perez pubblicato dalla Tia Chucha (Ottobre 2018).
Un libro sui musicisti ed artisti che lo hanno incrociato lungo il suo cammino di songwriter, batterista, chitarrista, percussionista, cantante, scultore e pittore che lo ha visto esporre le sue opere in numerose gallerie d’arte e musei di Los Angeles e New York City. Louie Perez con il suo partner David Hidalgo ha scritto anche le canzoni per i due album dei Latin Playboys. Perez ed Hidalgo hanno scritto di 400 canzoni e molte di esse, insieme a dipinti, schizzi, foto ed altro sono presentate ed illustrate per la prima volta in questo volume.

Joyride: Friends Take The Wheel
È un doppio CD con canzoni, poesie recitate ad alta voce (spoken-word), poemi, storie, racconti originali di Louie Perez, qui incise da fans ed artisti di rilievo, amici di Louie che le hanno registrate o incise per telefono, in studio, sulle verande sotto la pioggia, insomma dappertutto.
I musicisti (amici) coinvolti sono numerosi: David Hidalgo, Mitchell Froom, Vonda Sheperd, Jackie Greene, John Doe, Rick Trevino, Doyle Bramhall II, Syd Straw e Max Baca e Josh Baca dei Los Techmanicas.  Sono stati coinvolti anche scrittori, letterati e romanzieri. Un doppio CD di americana ed un instant classic. I proventi saranno donati alla libreria e centro culturale Tia Chuca (lo stesso del libro Good Morning, Azlan).


NUOVI ALBUM IN ARRIVO

Chiaccherando piacevolmente con loro in albergo, a cena e nel backstage del concerto ecco alcune notizie e dettagli che mi hanno raccontato...

Registrato a luglio uscirà in ottobre il nuovo disco dei Los Lobos intitolato Llego Navidad (Arriva Natale). Disco natalizio con brani tradizionali ed arrangiamenti tipici dei Los Lobos. È pubblicato dalla Rhino Records (Warner Bros.) su tutte le piattaforme digitali e non (vinile e CD).

A novembre i Los Lobos, tra un tour e l’altro, ritorneranno in studio per registrare un ennesimo album questa volta per l’etichetta New West (Records) e si tratta di cover. Alcuni brani devono ancora essere scelti anche se abbiamo saputo che dovrebbero incidere ad esempio una versione di Pearly Queen di Stevie Winwood, un’originale inciso dai Traffic.

I Los Lobos sono nati ufficialmente nel 1973 (le prime esibizioni erano ad alcune feste di matrimonio) ed ancora oggi dimostrano di essere una solida ed autentica famiglia. Nati tutti a Los Angeles, nel barrio, nel quartiere messicano (tranne Cesar Rosas nato il 26 Settembre del 1954 a Hermosillo, Messico) ed altamente riconoscibile per il suo look con occhiali da sole neri, pizzetto e capelli neri), vivono tuttora nell’area di Los Angeles (ad eccezione di Steve Berlin che ora risiede a Portland, Oregon).

Precedente La magia dei Los Lobos al 20th Summer Jamboree Successivo 5° edizione del Festival Paradiso Musicale a Valsavarenche, in Valle d'Aosta