Le bacchette e le parole del Neapolitan Power

(Luca Paoli – 19 febbraio 2020)

Franco Del Prete è stato un musicista e paroliere fondamentale nel creare un suono che da Napoli ha attraversato l’oceano e ha attinto alla cultura afroamericana come il soul, il jazz, il rhythm&blues. Questo movimento musicale di grande creatività prenderà il nome di Neapolitan Power.

Batterista di grande talento, inizia la sua carriera musicale fondando, con un altro personaggio chiave del movimento, James Senese (Sax e Voce) gli Showmen nel 1968. La band dal sound rhythm&blues e pop annoverava anche un altro musicista che diventerà famoso come Elio D’Anna (sax e flauto) che in seguito proseguirà il suo percorso musicale negli Osanna.
La band incide due album “The Showmen” nel 1969 e “The Showmen 2” – a nome Showmen 2 – nel 1972. Nel 1970 con il singolo “Mi Sei Entrata Nel Cuore” riusciranno a entrare finalmente nelle classifiche di vendita.

Del Prete e Senese proseguiranno fondando, nel 1975, la famosa band dei Napoli Centrale, con la quale creeranno un fantastico mix tra tradizione napoletana e jazz rock-prog. Tutti i testi dei brani sono ad opera di Franco Del Prete.
Oltre ai due leader la formazione è composta da Mark Harris alle tastiere e da Tony Walmsley al basso e alla chitarra. Questa è la formazione che darà alle stampe il primo disco, l’omonimo “Napoli Centrale” caratterizzato dal singolo “Campagna”, vero e proprio inno al proletariato, il tutto in rigoroso dialetto partenopeo.

Ci saranno vari avvicendamenti nella formazione ma Franco Del Prete sarà dietro ai tamburi fino al 1978 e nella reunion del 2001 con l’album “Zitte! Sta venenn’ ‘o mammone” e nel 2016 nell’album “‘O sanghe”.

Dal movimento Neapolotan Power nascono diversi artisti, uno tra questi è Pino Daniele che per breve periodo suonerà il basso proprio nei Napoli Centrale e che porterà il genere in tutti gli stadi ed arene del paese.

Nel 1980 Del Prete collabora con Gino Paoli nel disco “Ha tutte le carte in regola” e dal 1991 al 1993 con Eduardo De Crescenzo. Importanti anche le collaborazioni come paroliere per canzoni poi cantate da Lucio Dalla, Tullio De Piscopo, Enzo Avitabile e molti altri.
Forma anche una sua band, i Sud Express dal sound pieno di groove che danno alle stampe due album “L’ultimo Apache” del 2009 ed il recente “La Chiave” del 2018.

Queste sono le esperienze più importanti per questo grande musicista e paroliere che ha saputo, come pochi altri, portare la rabbia di Napoli e dei napoletani al di fuori dagli schemi della tradizione, coinvolgimento, col suo jazz rock prog migliaia di giovani ed ancora oggi i suoi dischi sono ascoltati ed apprezzati.

Franco Del Prete ci ha lascito il 13 Febbraio scorso, la musica e la cultura italiana perdono un grande uomo ed artista.

Precedente Revolution Saints - Rise Successivo "The Greatest Nots" di Maurizio Marsico e Stefano Di Trapani: gli anni '80 con un finale alternativo