La ricetta prog degli Elisir D’Ambrosia

(Luca Paoli – 1 agosto 2019)

Ottimo esordio degli Elisir D’Ambrosia di Marco Causin. Nel vivace panorama progressive rock italiano la band veneta convince in pieno con un lavoro maturo con ottime composizioni arrangiate e suonate con
gusto.

Si ascolta un prog fresco per niente derivativo e con ottimi testi in italiano cantati con passione da Andrea Stevanato.
Ci piace segnalare l’ottimo brano Cardiologia che sfocia in territori latin alla Santana dove Marco da sfoggio della sua bravura ed inventiva alla chitarra elettrica. Gradito ospite nel brano il Maestro Riccardo Scivales alle tastiere. Da segnalare, inoltre, la ballata Piano Piano che si distende soave tra tappeti di organo Hammond e la lirica chitarra di Marco.
Tutto il disco scorre che è un piacere tra momenti hard prog come nel caso di Cenere e con gli oltre nove minuti di Libero di volare nel vento tra melodia e momenti più graffianti e prog.
Ottima la sezione ritmica con Riccardo Brun al basso e Simone Sossai alla batteria, il duo sa infondere il giusto colore con precisione ed inventiva in tutte le tracce dell’album.
Fondamentali le tastiere di Alessio Uliana che oltre, a creare un “tappeto” al sound generale, sanno anche
diventare protagoniste con assoli precisi e di buon gusto.

Con gli Elisir D’ambrosia si aggiunge un nuovo tassello nella musica di qualità non solo italica.
Sicuramente un album consigliato non solo ai fan del genere progressive ma anche a chi desidera ascoltare un lavoro nuovo e fresco made in Italy.

Nonostante nell’ultimo periodo la formazione abbia subito dei cambi di formazione son convinto che la band saprà aggiungere nuova linfa ed entusiasmo al progetto.

Rimanendo in attesa del secondo capitolo della loro produzione intanto ci gustiamo questo gioiellino di modern prog. 

Credits:
Marco Causin – chitarre
Riccardo Brun – basso
Simone Sossai – batterie
Andrea Stevanato – voce solista
Alessio Uliana – tastiere

Ospiti:
Riccardo Scivales (tastiere in cadiologia); Paolo Ongaro (percussioni e fischietto in cardiologia); Enrico Callegari (basso e produzione)

Precedente Giusy Consoli - So This Is Love....A Tribute to Billy Strayhorn Successivo Buone vacanze a tutti dallo staff di Musicalmind. Ci si rivede da lunedì 19 agosto.

Un commento su “La ricetta prog degli Elisir D’Ambrosia

I commenti sono chiusi.