Killer Klown – Crappy Circus

(Luca Paoli – 20 agosto 2019)

Il Rock’n’Roll, quello sporco, cattivo quanto basta e con la melodia al posto giusto non morirà mai e quest’oggi ce l’ho dimostrano i Killer Klown, band torinese attiva con vari cambi di formazione fin dal 1994 e con una esperienza live notevole.

Crappy Circus è il loro ultimo album che giunge dopo ben sette anni dall’ottimo Born To Rock!

Un album che trasuda punk anni ‘70, garage anni ’60 il tutto condito da un Rock’n’Roll sudicio, stradaiolo, bastardo ed irriverente al punto giusto. Non manca però la componente melodia, sempre presente in tutte le dieci tracce del disco.
L’organo è, insieme alla voce sofferta e piena di vizi, uno dei protagonisti dell’album. Un circo di periferia (ascoltate l’introduzione di Circus che apre l’album) pieno di quegli eccessi che rendono pericolosa ma al tempo stesso stimolante la vita.
Tutti i brani meritano, nessuna caduta di tensione, da ascoltare e vivere follemente fino all’ultima track.
Se volete ascoltare qualcosa di deviante ma veramente autentico dove i Rolling Stones degli esordi vanno a braccetto con gli Stooges, Tom Waits ,le New York Dolls e tutta la scena punk dei ‘70 allora questo è il disco che fa per voi.

Un merito anche ad Area Pirata Records per aver creduto in questo nuovo progetto dei Killer Known.

Track List:
1) Circus,
2) Drowning,
3) Atomic Zoo,
4) A Teenage Mind,
5) Do The Scooby-doo,
6) Big Black Cat,
7) Hungry Dog Drama,
8) Memory For A Dead Festival,
9) Moe Tucker,
10) Manual For Predators

Formazione:
she-hellcat (vox organ & screams)
mr.cairo (bass)
marco pq (drums)
joe costa (guitar)
rev. jungle (vocals)

Precedente Bob Dylan Like A Rolling Stone/Positively 4th Street… Dylan mostra la strada Successivo "Non c'è mai fine. Ci sono sempre nuovi suoni da immaginare." Blue World, il ritorno di John Coltrane