Il “ritorno” di Eric Burdon & The Animals: When I Was Young – The MGM Recordings 1967-1968

(Maurizio Galli – 20 dicembre 2019)

La Esoteric Recordings ha annunciato l’uscita di un nuovo cofanetto contenente tutti gli album registrati da Eric Burdon & The Animals per l’etichetta MGM Records tra ottobre 1967 e dicembre 1968.

Eric Burdon & The Animals nascono nel dicembre 1966 quando gli Animals originali avevano chiuso la loro storia. Il cantante Eric Burdon ha reclutato Vic Briggs (chitarra, piano), John Weider (chitarra, violino, basso), Danny McCulloch (basso) e Barry Jenkins (batteria) per formare un nuovo gruppo con cui cambiare direzione rispetto al classico Rhythm and Blues degli Animals ed orientandosi verso un sound che racchiudesse lo Psychedelic rock e le influenze della controcultura emergente in quel periodo.

Il singolo di debutto della band “When I Was Young” pubblicato nell’aprile del 1967 – dalla MGM Records e con produttore Tom Wilson – fu una potente affermazione della sua nuova idea di sound. Il lato B del singolo A Girl Named Sandoz è un vero e proprio inno psichedelico alla società farmaceutica svizzera che ha sviluppato l’LSD. Il singolo di follow-up, San Franciscan Nights, uscito nell’agosto 1967, seguì la famosa apparizione della band al Monterey Pop Festival nel giugno 1967, il più grande successo della band.
L’album di debutto della band, Winds Of Change, uscì nell’ottobre 1967 e presentò i singoli San Franciscan Nights e Good Times, insieme a una cover di Paint It Black, Yes I Am Experienced (un chiaro omaggio all’amico Jimi Hendrix) e It’s All Meat.

L’album The Twain Shall Meet, anch’esso presente nel box, è stato registrato nel dicembre 1967 ma non è stato pubblicato fino al maggio 1968 e racchiudeva i due singoli, Monterey e Sky Pilot (Parti 1 e 2). Incredibilmente il 1968 vide la pubblicazione di altri due album negli Stati Uniti e in Europa; Every One Of Us, registrato a giugno e pubblicato nell’agosto dello stesso anno e il doppio album Love Is, registrato a Los Angeles nell’ottobre 1968.

Il set, in uscita il 21 febbreio 2020, comprende gli album Winds Of Change (sia in versione stereo che mono), The Twain Shall Meet, Every One Of Us e Love Is, tutti recentemente ri-masterizzati dai nastri originali, insieme a dieci tracce bonus tratte dalle singole uscite della band, tra cui le classiche B-side A Girl Named Sandoz, Ain’t That e Gratefully Dead, rimasterizzate da nastri master originali recentemente individuati. È incluso anche un opuscolo illustrato con un nuovo saggio e un poster .

Precedente Alle volte le copertine ingannano, cronaca di un ritardato ascolto. The Big Sound di Federico Franciosi (o semplicemente Ciosi) Successivo Genesis – Live at The Rainbow, 1973