E’ partita la 17ª edizione de L’Artista che non c’era

(13 marzo 2020)

E’ partita la 17ª edizione de L’Artista che non c’era, storico concorso musicale organizzato da “L’Isola che non c’era (più semplicemente “L’Isola”), realtà musicale dedita alla valorizzazione e promozione di artisti italiani. Pur avendo come baricentro la “nuova canzone d’autore”, negli anni ha saputo intercettare le varie contaminazioni che hanno arricchito questo termine. E lo facciamo attraverso un sito aggiornato quotidianamente, organizzando eventi e gestendo L’Artista che non c’era.

La particolarità di questo Premio è la lunga e accurata fase di selezione, che dopo la prima fase gestita direttamente dalla redazione e dai collaboratori sparsi in tutta Italia, viene ampliata con il coinvolgimento di oltre 100 addetti ai lavori esterni all’Isola. E questo avviene già nella fase di “semi-finale”, quando alla Giuria esterna vengono consegnati i materiali di 20 artisti (due brani in MP3, biografia, testi, ecc). Dopo un paio di settimane di ascolti si giungerà così ai 10 finalisti che disputeranno la finale al CPM di Milano. Un percorso così lungo e articolato che ha dalla sua la forte promozione di ogni artista iscritto. Infatti, in qualità di addetti ai lavori sapete benissimo quanta fatica si fa per riuscire a far conoscere, recensire, intervistare gli artisti (non tutti ovvio, ma diciamo la stragrande maggioranza….), ecco che una volta all’anno L’ISOLA CHE NON C’ERA mette in campo la sua redazione e i suoi collaboratori per ascoltare tutti gli iscritti del concorso. E dopo tanti anni possiamo dire con estrema certezza che grazie al concorso abbiamo potuto scoprire o rivalutare molti artisti che sono poi stati recensiti, intervistati, insomma conosciuti meglio.

Viene riconfermata la possibilità di iscriversi in due sezioni:

  • “GENERALE” – artisti/gruppi che presentano brani cantati in italiano, dialetto o qualsiasi altra lingua.
  • “STRUMENTALE” – artisti o gruppi che presentano brani esclusivamente strumentali.

Tra le novità più importanti segnaliamo l’impegno, concreto, di offrire sempre più occasioni
per far suonare in giro per l’Italia non solo il vincitore, ma anche i finalisti e spesso anche i semi-finalisti. 

Ecco i principali bonus in palio:

  • Anche per la 17ª edizione il Premio L’Artista che non c’era potrà garantire ad uno dei finalisti (scelto dalla Giuria presente al live finale e dalla redazione de L’Isola) un tour di 8 date, grazie al progetto realizzato realizzato con i fondi dell’art.7 L. 93/92 Bando Promozione NUOVOIMAIE, che consentirà di usufruire di un rimborso complessivo pari ad un valore massimo di Euro 15.000;
  •  In collaborazione con lo storico locale romano “L’Asino che vola”, verrà organizzato un concerto per il vincitore e due finalisti. Data e luogo da concordare con gli artisti/gruppi.
  • In collaborazione con AZ Blues agenzia nazionale specializzata in Servizi musicali, verrà organizzato un concerto per uno dei finalisti. Data e luogo da concordare con l’artista/gruppo.
  • Come negli anni scorsi, anche quest’anno L’Isola è presente sul territorio nazionale in molte rassegne – organizzate direttamente o come direzione artistica – offrendo ai finalisti e semi-finalisti occasioni per promuoversi con concerti ad hoc, interviste e showcase, aperture di concerti, ecc. Tra queste ‘Sa(n)remo senza Confini’, rassegna quotidiana che si tiene nella Sede del Club Tenco nei giorni del Festival di Sanremo e ‘Tieni il Palco’, format che si sviluppa su quattro città italiane.
  • Altri bonus e opportunità sono in fase di definizione e verranno comunicate sui nostri canali social.

Ecco alcuni dei finalisti/vincitori delle precedenti edizioni:

  • Daniele Tenca
  • The Crowsroads
  • Sergio Calonego
  • Zibba,
  • Dany Franchi
  • Cesare Carugi
  • Arianna Antinori
  • Jama Trio
  • Paolo Ambrosioni and the Bi-Folkers
  • Sara Jane Ceccarelli

Le iscrizioni sono aperte fino al 22 aprile. LA FINALE LIVE SI DISPUTERÀ IL 26 GIUGNO 2020 AL CPM DI MILANO

Precedente Il 17 aprile esce il primo lavoro discografico dal titolo “Y” dei Motus Laevus. Successivo She ROCKS! Giornaliste musicali raccontano