E’ nato prima l’uovo o la gallina? La Bourrée che piace tanto alla musica rock.

(Maurizio Galli – 11 settembre 2019)

Anno di grazia 1968. Seguendo le orme dei Cream e della Jimi Hendrix Experience a Birmingham il chitarrista Dave Clempson insieme a Terry Poole (basso) e John Hinch (batteria) danno vita alla Bakerloo Blues Band. A gestire la band sarà Jim Simpson ovvero colui che per primo scoprì i Black Sabbath di Ozzy Osbourne. Tra i vari ingaggi che Simpson riuscì a procurare alla neonata band ci fu quello del 18 ottobre (1968) al Marquee Club di Windour Street, Londra in apertura ai Led Zeppelin.
La band ottenne un così buon successo che John Peel li volle in trasmissione alla BBC Radio 1 e il 26 novembre di quello stesso anno ritornarono al Marquee questa volta per aprire il concerto dei Jethro Tull.

Febbraio 1969. Keith Baker sostituisce John Hinch alla batteria e la band decide di accorciare il nome in Bakerloo. A questo punto la band si mette al lavoro per la realizzazione di un disco. La Harvest Record li mette sotto contratto con la supervisione di Gus Dudgeon (Ten Years After). La collaborazione sembra essere propizia e la band a metà luglio (18 ?) realizza il suo primo 45 giri Drivin’ Backwards/Once Upon A Time (Harvest, HAR 5004, 1969).
Ascoltando i due brani ci si rende subito conto che si è ben lontani dal blues che li aveva resi celebri in giro per i club.
Drivin’ Backwards è in pratical’adattamento rock della celebre Bourrée tratta dalla Suite per liuto in mi minore BWV 996 di Johann Sebastian Bach. Già proprio quella che troveremo nell’album Stand Up dei Jethro Tull pubblicato giusto il mese successivo al 45 giri dei Bakerloo. Da qui la domanda: è nato prima l’uovo o la gallina?

Precedente La precisione non è di questo mondo, e spesso non lo è neppure nel rock. Successivo Lo Zoo di Berlino feat Patrizio Fariselli - Resistenze Elettriche (2019)