Doobie Brothers – Long Train Runnin’ (vs. Lovercraft – We Can All Have It Together)

(Maurizio Galli e Aldo Pedron – 8 ottobre 2019)

I Doobie Brothers (doobie è un termine slang che indica la marijuana) sono stati una band statunitense che di classifiche ne ha scalate. Nel 1974 il singolo Black Water (Warner Bros. Records, WBS 8062, 1974), contenuto nell’album What Were Once Vices Are Now Habits (Warner Bros. Records, W 2750, 1974), arrivò in cima alla vetta. L’anno prima era toccato a Long Train Runnin’ (Warner Bros. Records, WB 7698, 1973), il primo dei 45 giri della band ad entrare nella top ten. Come poter dimenticare il suo memorabile riff suonato all’unisono dalla chitarra acustica e da quella elettrica?
Eppure quel riff era in una qual maniera già stato utilizzato l’anno prima in Listen To The Music (Warner Bros. Records, WB 7619, 1972).

Storia finita? Assolutamente no.

La nostra storia continua con i Lovecraft, discendenti diretti degli H.P.Lovecraft. Originari di Chicago la formazione psichedelica nel 1968 decise di trasferirsi nella leggendaria San Francisco (guarda caso anche i Doobie Brothers sono originari della California). Con i Lovercraft il cerchio si chiude. Ascoltando Long Train Runnin’ è difficile che non ritorni in mente We Can All Have It Together (Reprise Records, 0996, 1970) canzone presente nell’album Valley Of The Moon (Reprise Records, RS 6419, 1970).

Una curiosità a proposito dell’album Valley Of The Moon dei Lovercraft. Il titolo del disco è un chiaro tributo all’omonimo romanzo (1913) di Jack London, popolare scrittore nato a San Francisco. La Valley Of The Moon è l’odierna Sonoma Valley, zona rinomata per la produzione di vino californiano.

Precedente Robert Randolph, un condensato di gospel, blues, soul e funk Successivo The Claypool/Lennon Delirium – South of Reality