Disponibile da oggi 15 Maggio ‘Reflections’, il nuovo album di Nicola Cipriani & Brad Myrick

(15 maggio 2020)

Sarà disponibile quest’oggi ‘Reflections’ il nuovo album del duo formato da Nicola Cipriani & Brad Myrick che rappresenta al meglio la maturazione artistica nata in decine di concerti e chilometri insieme, dalla Florida al New Hampshire, passando naturalmente per l’Italia. Registrato alla fine di un lungo tour è una virata evocativa e cinematografica per la loro musica: le suggestioni plasmano i brani, da eterei ed evocativi fino ad emozionanti incursioni nel pop e nella tradizione folk americana.

Il sodalizio artistico tra Nicola Cipriani e Brad Myrick è un diamante raro di musica, promozione culturale, virtuosismo strumentale e di forte impatto comunicativo. Da due anni portano la loro musica composta, arrangiata e registrata per due chitarre acustiche tra l’Europa e gli Stati Uniti riempiendo club, teatri e università, suonando e raccontando le composizioni.

Dopo l’EP “Live in Bulb” (2018) e “Wanderlust” (2019) inaugurano questo 2020 con l’album più profondo e importante della loro carriera: “Reflections”. Wanderlust è stato l’album del viaggio: composizioni nate dalle esperienze in tour di Cipriani e Myrick, nominato tra i dieci migliori dischi jazz dell’anno ai New England Music Award 2019, il tour che ne è seguito è stato definito “best concert in the State 2019” dalla rivista The Hippo nello stato del New Hampshire.

L’album è stato registrato a Verona, nel mese di Ottobre 2019, presso Sotto il Mare Recording Studio di Luca Tacconi, vero e proprio artefice assieme a Nicola e Brad del suono di ‘Reflections’.

Echi folk, aperture melodiche, intarsi bluegrass velocissimi e grande senso ritmico: i brani di Nicola Cipriani & Brad Myrick sono piccole colonne sonore per film che ognuno di noi può proiettarsi nella mente. Per andare nei propri posti preferiti.” [Giulio Brusati, L’Arena]

Precedente Quicksilver Messenger Service ‎– At The Kabuki Theatre (The New Year's Eve Costume Ball 31 December 1970) Successivo SINTONIA DISTORTA – A PIEDI NUDI SULL’ ARCOBALENO