De Android – De Android

(Luca Paoli – 12 giugno 2019)

Interessante uscita discografica (M.P. & Records di Vannuccio Zanella) dei De Android. Il progetto discografico che vede coinvolti Stefano Agnini (La Coscenza di Zeno, La Curva di Lesmo ed Il Cerchio Medianico) alla composizione, tastiere e voce e la brava Serena Zanardi alla voce.

Fughiamo subito ogni dubbio, non siamo al cospetto di un album di progressive rock come si potrebbe supporre visto i trascorsi di Stefano ma con questo loro album si naviga su sonorità più dream pop, new age e dance. Un album da postare alle feste? Forse si… ma anche da ascoltare con molta attenzione perchè non è assolutamente un prodotto commerciale ma è invece ottimamente suonato e cantato dai due protagonisti. Ascoltandolo non si può non venire catapultati in quegli anni ’80 così tanto controversi ma stimolanti per chi si è, negli anni recenti, avventurato nel pop elettronico.
Ottima la voce di Serena che si cala alla perfezione nel mood del disco con personalità e buon gusto. Anche le parti vocali di Stefano Agnini convincono in pieno. Le elettroniche giocano un ruolo decisivo nel disegnare ritmiche e melodia. I dodici brani che compongono il CD sono tutti di ottimo livello e ottimamente arrangiati.
Un plauso a Vannuccio Zanella, patron dell’etichetta, che ha creduto nel progetto e lo ha ha prodotto splendidamente.
Consiglio vivamente l’ascolto di questo progetto che è veramente di qualità!

Precedente Morning Songs & Midnight Lullabies, il nuovo album dei torinesi Gospel Book Revisited Successivo Dopo 50 anni è in arrivo Live at Woodstock dei Creedence Clearwater Revival