Crea sito

Da Igor Stravinsky al ritorno dei Liquid Tension Experiment: la mia intervista a Tony Levin

Photo: Kai R Joachim Photography

(Raffaella Mezzanzanica)

Nato a Boston, il 6 giugno 1946, Tony Levin ha iniziato a suonare il contrabbasso quando aveva 10 anni. Al liceo, poi, si è dedicato allo studio della tuba.

Tony Levin è un musicista di formazione classica. Mentre frequentava la Eastman School of Music di Rochester, NY, ha avuto l’incredibile possibilità di suonare sotto la direzione di Igor Stravinsky e con la Rochester Philharmonic.

E proprio mentre frequentava la Eastman, ha incontrato il batterista Steve Gadd, che lo ha introdotto alla musica jazz e al rock.

Nella sua carriera, Tony Levin ha contribuito alla realizzazione di molti album di diversi artisti (Alice Cooper, Carly Simon, Laura Nyro, Lou Reed, David Bowie) e può vantare una lunga collaborazione e amicizia con Peter Gabriel. In effetti, ha suonato il basso in molti dei suoi album e lo ha accompagnato anche in diversi tour.

Levin è anche un membro dei King Crimson, Liquid Tension Experiment e Stick Man.

Grazie alla sua versatilità e alla sua tecnica è considerato uno dei migliori bassisti al mondo.

È anche un apprezzato fotografo e ha pubblicato diversi libri che mostrano la sua vita “on the road”.

Ho iniziato la mia intervista chiedendo a Tony di parlarmi del ritorno dei Liquid Tension Experiment e del loro prossimo album, Liquid Tension Experiment 3, in uscita il 26 marzo. Inoltre, gli ho chiesto di raccontarmi un po’ delle sue esperienze con Peter Gabriel, Laura Nyro, Pink Floyd e, ovviamente, King Crimson e alcuni approfondimenti sul suo libro fotografico Images from a Life on the Road, recentemente pubblicato.

D .: Ci sono due elementi legati al tuo presente: il ritorno dei Liquid Tension Experiment e la pubblicazione del tuo libro “Images from a Life on the Road”. Cominciamo da LTE. Quasi alla fine del 2020, i Liquid Tension Experiment hanno annunciato il loro ritorno con un nuovo album. Questo ritorno avviene a più di 20 anni dall’uscita di “Liquid Tension Experiment 2”. Quando avete capito che era il momento giusto per tornare e chi ha fatto il primo passo in questa direzione?

T.L .: Avevamo in mente di tornare già da alcuni anni. Andiamo tutti molto d’accordo e ci siamo sempre divertiti a suonare insieme. C’è quindi sempre stata questa possibilità. La tempistica è stata determinata da ciò che accade in ogni band e dal fatto che ogni membro dei Liquidi Tension Experiment è parte attiva anche in altri gruppi. Quindi, se non fosse stato per il lockdown, chissà quando avremmo potuto trovare qualche settimana per lavorare insieme. Sono stati Jordan (Rudess) e Mike (Portnoy) a discuterne e a scrivere a me e a John. Abbiamo subito colto al volo l’occasione e ci siamo messi al lavoro.

D .: Chi ha composto i brani e quanto tempo ci è voluto per registrare l’album?

T.L .: Ci siamo riuniti in uno studio per circa tre settimane. Ho iniziato a scrivere subito, principalmente con John e Jordan che hanno fornito alcuni riff e portato alcune idee. Di solito anche Mike contribuisce molto e utilizza anche una lavagna per organizzare le diverse idee che diventano poi sezioni. A volte, mi chiedono di inventare una linea di basso che determinerà la sezione successiva, e per me è divertente. Alla fine della giornata avevamo anche delle parti di improvvisazione della durata di circa un’ora. Alcune sono diventate delle parti dei brani, in altri casi sono diventate interi brani inseriti nell’album (anche se modificate, ovviamente).

D .: L’album sarà composto da 8 tracce e uscirà insieme ad un disco “bonus” che includerà quasi un’ora di improvvisazioni. Come avete lavorato a queste parti improvvisate considerando la situazione attuale e le restrizioni dovute al Covid?

T.L .: Beh, come ho detto, siamo stati insieme per l’intero progetto. Abbiamo fatto dei test poco prima di entrare in studio, abbiamo trovato un hotel sicuro, abbiamo ottenuto camere accessibili senza che fossero vicine ad altre persone. (Ho portato con me materiale per la pulizia …in effetti, mi sentivo proprio come un addetto alle pulizie!) Abbiamo anche indossato mascherine e siamo stati distanti per i primi giorni. Immagino che la risposta breve sia: “abbiamo formato una bolla LTE”.

D .: Dopo aver pubblicato un teaser del nuovo album nel dicembre 2020, il 22 gennaio 2021 è uscito “The Passage of Time”, il primo singolo. È una composizione incredibile, con una grande dinamica. Cosa dobbiamo aspettarci dagli altri brani?

T.L .: Ci sono un altro singolo e un altro video in uscita tra pochi giorni, e ce ne sarà un terzo prima dell’uscita dell’album in primavera. Descriverei tutta la nostra musica come piuttosto varia – c’è una riproduzione tecnica veloce e potente, ma spesso seguita da alcune grandi sezioni melodiche. Ci sono molti assoli di John e Jordan, che sono davvero sbalorditivi. Ci sono parti di improvvisazione in cui la band suona in modo “leggero” e altre in modo più “heavy”. Come band non discutiamo di quale sia la nostra identità o di come suonare, ma sembra che tutto questo accada in modo assolutamente organico…E’ così da quando abbiamo iniziato a suonare insieme, tanto tempo fa.

D .: Adoro il video del brano. Mi ricorda “A Technicolor Dream”, il documentario sul movimento underground negli anni ’60. Chi l’ha ideato?

T.L .: Si tratta di Christian Rios.

D.: Nel 1984 hai pubblicato il libro “Road Photos”, mentre “Images from a Life on the Road” è il titolo del tuo libro fotografico più recente. Presentando questo nuovo libro sul tuo sito ufficiale, scrivi: “(Le foto) non sono presentate come una storia o un diario, ma come se loro stesse fossero parte di un viaggio”. Mi racconteresti di più sull’idea complessiva di questo tuo ultimo libro e sulle differenze con “Road Photos”?

T.L .: È un libro molto più “grande” sotto ogni punto di vista, e comprende le mie foto nei vari tour dagli anni ’70 fino all’anno scorso. Ho ritenuto che alcune di queste foto meritassero davvero di essere viste non solo sul web. Ho progettato, quindi, questo libro che comprende 240 pagine. Quello precedente ne aveva 90. Per quanto riguarda la definizione di “viaggio”, avrei potuto presentare le foto in ordine cronologico, o per band, invece c’è un capitolo per ogni fase della giornata di una band “on the road”, ad esempio: “In viaggio”, “Al concerto”, “Backstage”,  “Lo show”,  “Inchini” e altro ancora. Alla fine ho anche inserito un “Indice con elaborazioni” perché penso che le storie alla base di alcune delle foto siano piuttosto interessanti.

D .: La parola “strada” è inclusa nei titoli di entrambi i tuoi libri. È innegabile che la tua sia state e sia decisamente una vita “on the road”. Hai suonato insieme ad artisti incredibili, sia in studio che in tour. Una delle tue collaborazioni più durature, da cui è nata anche una grande amicizia è quella con Peter Gabriel. C’è un momento o un fatto specifico che rappresenta l’essenza del vostro lavoro insieme e della vostra amicizia?

T.L: Non c’è un momento che lo riassuma, ma pensando al libro fotografico, alcune di quelle immagini raccontano qualcosa della storia delle relazioni. Ad esempio, ce n’è una degli anni ’70 in cui Peter aveva deciso di radersi i capelli e così si è fermato nella mia camera d’albergo per usare il mio rasoio (!) Prima, però, ne ha rasato solo un lato. Aveva un aspetto piuttosto insolito e io, ovviamente, ho scattato alcune foto: una sembra un suo ritratto, poi ce n’è una di noi due,  in cui mi sono messo i suoi capelli rasati su metà della mia testa. Un selfie prima che i selfie fossero inventati. E ho alcune immagini nel libro di Peter che sembra “fluttuare” tra il pubblico, sostenuto da un mare di mani. Queste foto sono state scattate durante la canzone “Lay Your Hands on Me”. È davvero qualcosa di speciale poterlo vedere dal punto di vista privilegiato del palco. Ce ne sono anche un paio in cui dà le spalle al pubblico, pronto a cadere all’indietro, e guarda la telecamera: un altro momento piuttosto speciale.

D .: Oltre a Peter Gabriel, hai collaborato con artisti appartenenti ai generi musicali più diversi: da David Bowie a Alice Cooper, da Carly Simon a Tracy Chapman ma anche James Taylor, Cher, Sarah McLachlan, Lou Reed…potrei andare avanti all’infinito. Hai anche collaborato con Laura Nyro. Forse sarai sorpreso che io abbia scelto di parlare di lei, ma amo la sua musica e penso che, ancora oggi, sia da considerare una delle artiste più sottovalutate di tutti i tempi. Puoi dirmi come è stato collaborare con lei ad una delle canzoni del suo album “Nested”?

T.L .: Beh, è ​​piuttosto popolare qui negli Stati Uniti. È triste, ovviamente, che sia morta in giovane età. Ho registrato pochissimo con lei. Eravamo a casa sua, nel Connecticut. Aveva allestito il suo soggiorno come uno studio di registrazione. Un’idea piuttosto unica. È stato un onore poter collaborare con lei.

D .: Poi, ad un certo punto, sei quasi diventato un “membro” dei Pink Floyd, almeno in studio di registrazione. In effetti, hai suonato basso e Chapman Stick in “A Momentary Lapse of Reason”, il primo album pubblicato dopo l’addio alla band di Roger Waters. Sono curiosa perché questo album rappresenta una “svolta” per diversi motivi. In primo luogo, perché alcuni fan tendono a non considerare come parte della discografia dei Pink Floyd gli album pubblicati dopo “The Dark Side of the Moon”. In secondo luogo perché questo risulta essere un album meno “psichedelico”, con un sound più pop “anni ’80 “e anche perché è spesso considerato non un album dei Pink Floyd ma più un album di David Gilmour, tanto quanto” The Final Cut “è considerato un album di Roger Waters. Mi racconti di più sul tuo coinvolgimento? Adoro i Pink Floyd e amo questo album…”The Dogs of War” è tra le mie canzoni preferite della band.

T.L .: E’ stato piuttosto speciale, in effetti, essere stato invitato a suonare su quell’album. Alcune delle idee per il basso erano di David (Gilmour), ma mi hanno lasciato  un po’ di spazio per aggiungere le mie idee e sono riuscito a suonare anche un po’ di Chapman Stick in un pezzo. Non sono mai stato considerato un membro della band, ovviamente, anche se mi fu offerto di andare in tour con loro. Lo avrei fatto con piacere, ma era in conflitto con le date del tour di Peter Gabriel, quindi non ho potuto.

D .: Sei entrato nei King Crimson all’inizio degli anni ’80 e da allora hai visto la band evolversi in tanti modi diversi, fino all’ultima formazione con tre batteristi davanti al palco. È stato facile per te adattarti a questi cambiamenti? C’è una formazione in cui ti sei sentito più a tuo agio?

T.L .: La costante con i King Crimson è la sfida musicale. Quindi non è sempre facile, anzi, non è quasi mai musicalmente facile. Questo, però, fa parte di ciò che è la band, e per un musicista come me questo approccio è fantastico per la mia crescita come musicista. Non c’è stata una formazione  in cui mi sia trovato meglio rispetto ad un’altra, anche se ci sono stati 3 batteristi, 2 batteristi e 1 batterista…tutte sono state stimolanti per me e ogni formazione è stata un’esperienza di apprendimento.

D .: Quello che segue è un estratto di un recente annuncio del manager dei King Crimson David Singleton: “…Continuiamo a lavorare per risolvere i significativi problemi creati dalla pandemia, non ultima la notevole incertezza su quando sarà possibile riprendere i concerti su larga scala in sicurezza “. Tornando alla tua vita “on the road”, come ti sei sentito quest’anno senza avere la possibilità di suonare dal vivo e, in aggiunta, senza sapere quando riprenderanno i live?

T.L .: Certo, il 2020 è stato molto impegnativo. I King Crimson hanno posticipato il tour estivo di un anno, così come Stick Men. Infatti, il nostro tour europeo autunnale ora si concluderà nel 2021. Per me, rimanere a casa più a lungo di quanto avessi mai fatto è stata un’esperienza interessante, anche se mi manca molto suonare dal vivo. Sono stato fortunato perché ho avuto molte registrazioni da fare e, nel frattempo, ho terminato il mio libro. Probabilmente, non avrei mai avuto il tempo per farlo se non fosse stato per il lockdown.

Photo: Ueli Frey

D .: Sei un musicista di formazione classica. In effetti, hai iniziato a suonare la tuba mentre frequentavi la Eastman School of Music di Rochester, NY. Hai anche suonato con la Rochester Philharmonic per un po’ e hai avuto l’incredibile privilegio suonare sotto la direzione del grande Igor Stravinsky nella sua “Firebird Suite”. Che ricordi hai di quell’esperienza?

T.L .: Ovviamente, suonare con Stravinsky è stato un onore incredibile. Tutti a scuola eravamo elettrizzati da questa opportunità. Ricordo, in particolare, di aver discusso appassionatamente su come avrebbe scelto il tempo per l’ultimo movimento di The Firebird (!) Probabilmente è stato nel ricordare quell’esperienza che, molti anni dopo, ho arrangiato alcuni i movimenti di The Firebird per Stick Men e il brano sembra un pezzo progressive.

D .: Citando Igor Stravinsky: “Ci vuole tempo, invecchiamento, per creare un classico. Il vino invecchia in sei anni. Non è così per la musica”. “Fragile as a Song” è un brano che hai composto ed eseguito, estratto dal tuo album “Resonator” e parte di un libro di poesie che hai pubblicato con lo stesso titolo. La citazione di Stravinsky mi ricorda una domanda menzionata nel testo della tua canzone: “Cosa trasforma una piccola canzone una sinfonia?”. E questa è la mia domanda per te: cosa trasforma una piccola canzone in una sinfonia…oggi?

T.L .: Beh, sono onorato che tu abbia prestato attenzione alle mie poesie. In quel brano ho usato una metafora musicale per parlare delle relazioni e di come non sappiamo davvero cosa trasformi un sentimento in qualcosa di speciale. Ti risponderei utilizzando un’altra parte del testo della stessa poesia: “ciò che permette alle cose di crescere è rendersi conto che i muri tra noi sono solo transitori – fragili come una canzone”.