Da Capo: un viaggio psichedelico ispirato alla scena della West Coast americana.

“Da Capo”, l’album omonimo della band krautrock psichedelica rappresenta un affascinante viaggio nel panorama musicale degli anni ’70. Originari di Fürth, vicino a Norimberga, la seconda città più grande della Baviera nel sud-est della Germania, i Da Capo erano Ispirati dalla scena della West Coast americana dei tardi anni ’60 e hanno portano avanti un approccio unico alla musica psichedelica, distaccandosi leggermente dal tipico sound krautrock per abbracciare le influenze di band come Quicksilver Messenger Service e Love (da cui hanno preso il loro nome).

Sebbene possano essere considerati uno dei gruppi meno progressisti nel panorama del krautrock, sono riusciti comunque a infondere il loro rock ispirato al blues e al folk degli anni ’60 con abbondanti dosi di psichedelia. Il loro unico album, autointitolato e pubblicato nel 1972, è diventato un oggetto ambito dai collezionisti a causa della rarità della sua stampa originale su vinile.

La musica dei Da Capo è una fusione avvincente di suoni psichedelici, ritmi blues e melodie folk, creando un’esperienza d’ascolto coinvolgente e suggestiva. Le tracce dell’album si snodano attraverso paesaggi sonori intricati e ipnotici, trasportando l’ascoltatore in un viaggio sonoro senza tempo.

Anche se la band è scomparsa dopo la pubblicazione di questo unico album, la sua eredità musicale continua a vivere attraverso le numerose ristampe dell’album, compresa una rimasterizzazione del 2005 con tracce bonus. “Da Capo” rimane un’opera iconica che incarna lo spirito creativo e l’eclettismo della scena musicale krautrock e psichedelica degli anni ’70.

Print Friendly, PDF & Email