Cage – Images

(Luca Paoli – 14 luglio 2019)

La ricerca di proposte musicali in ambito progressive rock italiano non è semplice. Molte sono le uscite ogni anno, alcune valide altre meno causa un riciclaggio di ciò che è stato questo movimento negli anni ‘70.
La mia passione per gli artiste/i ed i gruppi del nostro paese mi porta a imbattermi, spesso e fortunatamente, in album molto interessanti che hanno il merito di rendere attuale è moderno un genere, il progressive,  che spesso vive di rendita.
È con piacere che negli ultimi tempi mi sono imbattuto nell’ultimo disco dei Cage Images”; il sestetto toscano riesce nel non facile compito di rendere accessibile, mettendo la melodia al centro di ogni brano, ad un pubblico più vasto il loro menù musicale sempre con buon gusto e con arrangiamenti vincenti.

Images è un concept album che racconta il cammino dell’uomo dalle sue origini e prevede un secondo capito in uscita a fine anno. Tutte le sette tracce meritano attenzione. Lascio a voi il piacere di scoprirle, ascoltarle comodi con un buon impianto stereo per poterne apprezzare appieno tutte le sfumature e sapori che il menù ci propone.

Il jolly sicuramente lo merita la brava Diletta Manuel alla voce ben coadiuvata dal’ altrettanto convincente seconda voce di Giulia Curti. Un plauso alle tastiere di Damiano Tacchini sicuramente protagoniste in tutte le tracce del disco. Ho, inoltre, gradito i soli di chitarra del bravo Andrea Mignani sempre preciso e lirico al punto giusto. La sezione ritmica è precisa e molto convincente con Leonardo Rossi al basso e Andrea Griselli alla batteria.

In conclusione un ottimo album dove il prog sposa felicemente il pop rock. Un disco che consiglio a chiunque ami la buona musica senza barriere di generi.

Tracklist:
Black Hole
Cage
Drowning
Images
Julia’s Dream
Flow Of Time
Words

Formazione:
Andrea Mignani: Chitarra
Damiano Tacchini: Pianforte e tastiere
Diletta Manuel: Voce
Giulia Curti: Percussioni e voce
Leonardo Rossi: Basso
Andrea Griselli: Batteria

Precedente Charles Mingus “Peggio di un bastardo - L’autobiografia” (Big Sur, 2015) Successivo George Harrison - Isn’t It A Pity (vs. Keep On Running – Spencer Davis Group)