Beat The Night, l’ultimo disco (acustico) di Edward Abbiati

Foto di Antonio Tavecchia Spanò Greco

(Maurizio Galli – 25 febbraio 2020)

Edward Abbiati,  storico leader dei Lowlands nonché autore del disco Me & The Devil con Chris Cacavas e parte degli ACC, ha pubblicato a fine 2019 l’ottimo disco acustico intitolato Beat The Night.

Nell’album, l’autore del disco, è in compagnia degli amici: Maurizio “Gnola” Glielmo, Mike Brenner (Marah, Magnolia Electric Co.), David Henry (Yo La Tengo), Antonio Rigo Righetti, Simona Colonna, Michele Gazich, Joey Huffman (Soul Asylum) e con alcuni membri dei Lowlands (Francesco Bonfiglio), Mandolin’ Brothers (Jimmy Ragazzon, Riccardo Maccabruni) e degi ACC (Stiv Cantarelli, Joe Barreca). 

11 brani (di cui uno scritto insieme a Maurizio “Gnola” Glielmo) di una bellezza ed una intimità davvero disarmanti. Bisogna rendere merito ad Abbiati di essere riuscito nel difficile compito di dare ai testi e alle parole la stessa dignità e profondità della musica. Ogni singolo brano dell’album è infatti un piccolo cameo legato al successivo da un delicato filo.

I got hurt but I got heart and I got soul, I’m gonna climb right out of this hole / I got hurt but I got heart I ain’t no crime,to wish for a little more time”

Un disco che, come un bicchiere di buon vino rosso, merita di essere assaporato con calma e dedizione. Un disco sicuramente da avere. Alla via così.

Di seguito la tracklist dell’album:
Beat the Night, I Got Hurt, Look at Me, Hold Me Tight, Harm’s Way, Judgement Day #2, 45, Three Times Lucky, Sleepwalking, I Can’t Tell Ya. 

Precedente Adriana Varela e Roberto Goyeneche - Il lato Blues del Tango Successivo Billy Cobham – Tales from the Skeleton Coast