Crea sito

Atom Made Earth – Severance

(Luca Paoli – 10 febbraio 2020)

Gli Atom Made Earth sono una band prog/shoegaze marchigiana nata da un’idea del chitarrista Daniele Polverini che nel 2013 con il tastierista Nicolò Belfiore, ed il batterista Thomas Testa, con l’aggiunta dopo poco tempo di Lorenzo Giampieri al basso decidono di iniziare un progetto che li vede già nel 2014 pubblicare una demo live autoprodotto dal titolo ”Border Of Human Sunset‘.

Nel 2015 collaborano con l’etichetta Red Sound Records e con lo storico produttore americano del drone doom James Plotkin. Da questa collaborazione nasce il loro primo album intitolato ”Morning Glory”, pubblicato nel Gennaio 2016. Due anni dopo la band subisce un cambio di formazione con l’uscita di Thomas Testa alla batteria e di Nicolò Belfiore alle tastiere, sostituiti da Daniele Duranti alla batteria/percussioni e da Nicolò Borgognoni alle tastiere e synth.
Con questa line up registrano il loro secondo album Severance anticipato dal singolo From Earth with Hurt che vede la luce a Novembre 2019.

L’album, molto ben riuscito, sia a livello compositivo che strumentale, presenta otto tracce dove convivono e si amalgamano in modo perfetto prog, psichedelia, space rock, ambient e shoegaze.
L’ascolto degli otto brani ci conduce in territori poco frequentati oggi, dove chitarre gilmoriane si intrecciano ai synth, creando suggestioni e colori che rimandano alla stagione inglese e tedesca dei ‘70 ma con suoni moderni, aggiornati alle esigenze espressive dei vari componenti della band.
Vorrei segnalare l’opener “First of a second Split” dal sapore pinkfloydiano tutta da assaporare.
From Earth with Hurt”, uscito come singolo, dal suono cupo, malinconico dove la psichedelia si fonde al post rock. Molto interessante anche “Severance”, traccia che dà il titolo all’album, rarefatta, anche qui ritornano i Pink Floyd più psichedelici gemellati da un sound cosmico che affascina molto.
El Roi”, ottimo brano che sposa il prog con il funky e la psichedelia…molto interessante e sicuramente originale.

Come al solito consiglio l’ascolto dell’intero lavoro seguendo il percorso delle traccie suggerito dai musicisti che l’hanno composto e suonato…vi dico che ne vale veramente la pena.

Un gruppo sicuramente da tenere sott’occhio e sperare di vederlo live per assaporarlo anche in quella dimensione. Amanti del prog, della psichedelia seventhy e dello space rock siete avvertiti, correte ad ascoltarlo e fatelo vostro!

Track List:
1. First of a second Split
2. Childood Song
3. Youth
4. From Earth with Hurt
5. Native
6. El Roi
7. In the Glow
8. Severance

Formazione:
Daniele Polverini – Vox, Guitars, Synths, Loops, Effects
Lorenzo Giampieri – Bass, Effects
Daniele Duranti – Drums, Percussions
Nicolò Borgognoni – Synths, Vocoder

(Autoprodotto – 2019)