Acqua Libera – Acqua Libera

(Luca Paoli – 4 dicembre 2019)

Il progetto Acqua Libera nasce a Siena nel 2013 da quattro musicisti con un passato musicale molto importante. Jonathan Caradonna alle tastiere (Profusion), Fabio Bizzarri alla chitarra (Vicolo Margana) Franco Caroni al basso (Livello 7 e Juice Quartet) e Marco Tosi alla batteria e percussioni (Vicolo Margana).
Dal 2018 Luigi Campoccia, esperto compositore e tastierista già collaboratore di Giorgio Gaber e jazzista con parecchi ottimi lavori alle spalle, subentra come tastierista al posto di Jonathan Caradonna.
Suo il brano Mr. Lou, composizione risalente ai tempi dei Juice Quartet, band degli anni ’80, e compreso nel disco in questione.
E con queste notevoli esperienze che i quattro musicisti toscani decidono di dare un senso logico al progetto entrando in sala di registrazione per mettere su disco le loro vecchie composizioni oltre a brani nuovi. Nasce così Acqua Libera album che prende il nome dalla band. La grande tecnica dei quattro musicisti e la qualità delle composizioni danno vita ad un album di prog-jazz-rock strumentale di alto livello qualitativo. Gli storici brani si amalgamo perfettamente coi nuovi dando al disco una unitarietà perfetta. Dopo parecchi ascolti devo dire che nonostante la struttura dei vari brani sia contraddistinta da stop and go, cambi di tempi e umori il lavoro risulta godibile anche a chi non è abituato a frequentare certi generi.
Sorretto da una base ritmica impeccabile le tastiere e la chitarra rilasciano assoli veramente pregevoli.  Otto brani suddivisi tra nuove e vecchie composizioni che è un vero piacere ascoltare e riascoltare scoprendo sempre nuove sfumature e colori.

Veramente bravi gli Acqua Libera…. ora aspettiamo un seguito a questo stupendo album. Consigliato a chi cerca emozioni pure. 

Precedente The Doors "The Crystal Ship", lato B - seconda parte Successivo Cheap Wine - Faces

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.